Alberi sempreverdi: quali sono? Eccone alcuni!

28 Apr 2020 | Redazione Tubex |

Come ben sapete, gli alberi sempreverdi si chiamano così proprio perché le loro foglie rimangono sempre verdi e non cadono neanche durante il periodo autunnale. Alcuni di questi alberi sono molto apprezzati e vengono piantati anche negli ambienti privati. Andiamo a vedere quali sono.

Il tasso e l’eucalipto

Tra gli alberi sempreverdi c’è il tasso, un albero molto amato, che in molti decidono persino di piantare nel proprio giardino. Tuttavia, è l’ideale solamente negli spazi verdi molto ampi. Infatti, si tratta di una pianta che cresce parecchio. Le sue dimensioni possono diventare davvero esagerate: può raggiungere i venti metri d’altezza.

La coltivazione del tasso è piuttosto semplice, anche perché è un albero che riesce a resistere sia alle alte che alle basse temperature. Non ha bisogno neanche di un’eccessiva irrigazione. Per la sua collocazione nel vostro giardino vi basterà scegliere un’area piuttosto soleggiata, dove la pianta potrà avere tutto lo spazio necessario per crescere.

Tra gli altri alberi sempreverdi più noti troviamo anche l’eucalipto. È molto apprezzato per via dalla sua efficacia contro la tosse e altri sintomi influenzali, ma lo è anche per il suo regale aspetto. Questa pianta vive molto bene in ampi spazi e dove il clima è temperato. L’eucalipto può arrivare ad un’altezza di trenta metri e il suo tronco si presenta massiccio e dal colore grigiastro. Le attenzioni che questo albero richiede non sono molte: l’importante è concimarlo soprattutto durante il primo anno di vita.

Altri alberi sempreverdi, noti e molto apprezzati

alberi sempreverdi

L’ulivo è un sempreverde perfetto per il clima italiano. Non a caso è molto presente in tantissime regioni dell’Italia. La sua corteccia è molto profumata e tende ad assumere delle colorazioni grigiastre, mentre le foglie sono di una tonalità verde con sfumature quasi argentate. I fiori che l’ulivo regala sono dei piccoli fiorellini bianchi, i quali successivamente diventano dei veri e propri frutti… che noi tutti conosciamo molto bene! L’ulivo può essere coltivato anche in vaso, però deve avere il giusto spazio per crescere sia in altezza che in larghezza e in inverno va coperto con un telo.

Il ginepro è un altro degli alberi sempreverdi più amati. Le sue famose bacche sono ricche di principi naturali, motivo per cui sono usate per preparare tisane ed infusi. Sono ottime anche per la preparazione di gustose e aromatiche grappe. Questa pianta si adatta perfettamente ad ogni tipo di terreno, sia al mare che in montagna.

La coltivazione degli alberi sempreverdi

Molti sempreverdi possono essere coltivati anche negli ambienti domestici, in vaso o nel terreno. Pertanto, se desiderate averne uno, sceglietelo con attenzione, cercando di capire esattamente quanto può crescere e se effettivamente avete a disposizione tutto lo spazio di cui ha bisogno.

Ricordate però che, quando l’albero è ancora giovane, è opportuno proteggerlo dal freddo. In alcuni casi, necessita inoltre di una protezione dagli attacchi di animali, dalle erbe infestanti e dagli erbicidi. In queste eventualità, potrete utilizzare uno shelter per alberi fin dalla messa a dimora. Tra i prodotti Tubex, troverete sicuramente la protezione ideale per i vostri alberi sempreverdi preferiti.


20 Apr 2020 | Redazione Tubex |

Oggi parliamo delle aree verdi in città: perché sono così importanti? Come dovremmo proteggerle? Per affrontare al meglio il discorso, è utile partire da un semplice fatto: l’uomo e la natura sono sempre stati legati da una inscindibile connessione. Non siete d’accordo? Fin dai tempi antichi, l’essere umano ha visto la natura come un luogo di evasione, in cui il relax è al primo posto.

A partire dall’Ottocento, però, le grandi rivoluzioni industriali hanno imposto all’uomo di creare nuovi spazi utili per vivere la propria quotidianità e per lavorare meglio. Così, attualmente abbiamo la possibilità di vivere in tante grandi e belle metropoli… D’altra parte, la natura ha sempre meno spazio a disposizione e per questo nasce l’esigenza di realizzare delle ampie aree verdi in città. Queste possono offrirci un po’ di tranquillità, ma anche molto altro.

I parchi per il relax e la salute di ognuno di noi

Quando andiamo a passeggiare in questi parchi, noi tutti vogliamo rifare ciò che facevano gli antichi: cercare un luogo di evasione, dove staccare per un po’ la spina dai grandi problemi della vita quotidiana. Inoltre, dobbiamo dire che la presenza di luoghi verdi nelle nostre metropoli è fondamentale per la nostra salute. Gli alberi, infatti, rendono l’aria migliore, convertendo l’anidride carbonica in ossigeno.

aree verdi in città

Soprattutto nelle grandi metropoli, nelle quali la qualità dell’aria è compromessa dall’inquinamento delle fabbriche e dallo smog, la presenza di zone verdi è essenziale. Gli alberi sono importantissimi per il nostro futuro in quanto assorbono intorno al 40% dell’anidride carbonica presente nell’aria, ottimizzando così anche la qualità di vita delle persone. In altre parole, le aree verdi in città sono indispensabili per la vita di ognuno di noi. Pertanto, abbiamo il dovere e anche il diritto di proteggerle e di valorizzarle.

Altri dettagli e curiosità da non sottovalutare

Gli studiosi affermano che un solo albero può offrire una diminuzione del 9-13% del tasso di inquinamento… Pensate dunque a cosa possono fare le grandi aree verdi in città! Alcune ricerche dicono anche che gli alberi possono catturare le polveri sottili causate dallo smog e comportare una riduzione fino a 2 gradi centigradi della temperatura dell’ambiente in cui si trovano. Infine, è utile dire che un albero è così funzionale (oltre che bello!) che se si trova vicino ad una casa ne può aumentare il valore di circa il 20%. Ottimo, non credete?

Le aree verdi in città come luogo di aggregazione

Sia nelle grandi città sia nei piccoli borghi, questi spazi verdi sono anche un buon luogo di ritrovo per tutti gli abitanti. Al giorno d’oggi, è fondamentale potersi incontrare di persona, invece che dietro allo schermo di un pc o di un cellulare. I luoghi di aggregazione sono rilevanti per tutti noi e vanno valorizzati al meglio.

Per tutti questi motivi, le aree verdi in città vantano una notevole importanza e siamo anche noi a doverci prendere cura di questi spazi. Possiamo dare il nostro contributo rispettando l’ambiente nella sua interezza. Chi si occupa della realizzazione dei parchi può invece curare al meglio le piante e i giovani alberi fin dalla messa a dimora, utilizzando gli shelter per piante. Anche in questo caso, Tubex può fare la differenza!


14 Apr 2020 | Redazione Tubex |

L’inizio della primavera e la parte centrale della stagione si presentano come un periodo particolare dell’anno, durante il quale è importante dedicare le giuste attenzioni al proprio frutteto. Questa attitudine consentirà di prevenire la comparsa di qualche parassita e di proteggere appieno gli alberi, promuovendone il corretto sviluppo. Ecco alcuni consigli che vi aiuteranno a prendervi cura del frutteto nel migliore dei modi.

Come curare il frutteto: pulizia del terreno e potature

Dopo essersi premuniti degli attrezzi giusti, si dovrà pulire completamente la base della pianta, eliminando qualsiasi traccia di foglie e rami secchi. Questi materiali organici possono comportare la proliferazione dei parassiti, che riposano durante l’inverno e potrebbero fare la loro comparsa proprio durante il periodo primaverile.

Sempre parlando di cura del frutteto, è utile dire che non sempre è necessario optare per la potatura, soprattutto se si tratta del ciliegio. Infatti, quest’ultima è una pianta che tende a soffrire molto quando è sottoposta a questa tipologia di cura. Tuttavia, alberi come albicocchi, pruni europei e meli hanno bisogno di essere potati, ma in forma molto lieve e non aggressiva. In caso contrario, si potrebbe compromettere il loro processo di crescita.

Occorre invece eseguire una potatura abbastanza drastica per i susini giapponesi, i peschi e i peri. Dopo aver pulito con attenzione il frutteto da rami e foglie, è opportuno spargere un valido stallatico nel terreno, per poi rimuovere le piante infestanti.

La cura del frutteto con i trattamenti antiparassitari

Quando un parassita attacca una pianta, i segni sono facilmente individuabili, ma è possibile prevenire il tutto attraverso un trattamento antiparassitario. Questo va eseguito assolutamente prima della fioritura e consiste nell’uso di un composto a base di zolfo e rame, molto utilizzato anche nell’agricoltura biologica. Per un’ottima cura del frutteto, vi consigliamo di non utilizzare l’antiparassitario durante la fioritura, perché potrebbe far morire gli organismi necessari per la salute del frutteto.

cura del frutteto

Durante una stagione molto fresca e anche umida, è possibile semplicemente bagnare le piante con un po’ di zolfo. Questo permette di evitare che il frutteto possa essere colpito dalla cosiddetta “malattia della bolla”, tipica soprattutto del pesco. In commercio esistono numerosi insetticidi, ma è consigliabile prediligere qualcosa di innocuo per l’ambiente, come ad esempio il “bacillus turingensis“. È ottimo per la cura del frutteto, in quanto è in grado di eliminare gli insetti cattivi e non è nocivo per la salute dell’uomo e della pianta.

La cura del frutteto comprende sempre una valida protezione per le giovani piante

Se siete in procinto di mettere a dimora arbusti o giovani alberi, non dimenticate di proteggere le piante dagli ultimi freddi. In questo caso, potrete utilizzare gli appositi teli, ma anche gli shelter Tubex. Questi ultimi si presentano come protezioni tubolari altamente efficienti, capaci inoltre di favorire l’attecchimento e un più rapido sviluppo del vegetale.

Si tratta di protezioni eco-friendly e facili da usare, idonee anche per la protezione dagli attacchi di animali e dall’azione di pesticidi e prodotti similari. Sul nostro sito web troverete le soluzioni proposte da Tubex per la cura del frutteto e tutte le specifiche di ogni shelter. L’ottimo rapporto qualità-prezzo farà il resto. Vi aspettiamo!


06 Apr 2020 | Redazione Tubex |

Oggi parliamo di uno shelter per piante proposto da Tubex, molto efficiente e altamente innovativo. Si tratta di Tubex Ventex: una protezione tubolare dotata di un sistema di ventilazione brevettato. Essa si presenta come un valido aiuto per chi opera negli ambiti della paesaggistica e della silvicoltura, e non solo. Scoprire insieme tutto ciò che riguarda un simile impianto potrà consentirvi di sfruttarne al massimo le potenzialità, promuovendo la salute e la crescita delle vostre piante.

I punti di forza degli shelter per piante

Se seguite il nostro blog o se utilizzate gli shelter, saprete sicuramente che stiamo parlando di valide protezioni tubolari per piante, che possono essere utilizzate per diverse motivazioni. Possono proteggere la pianta dagli sbalzi di temperatura, dalle perturbazioni, dagli attacchi di animali, dalle piante infestanti e dall’azione dei pesticidi.

Gli shelter per piante proposti da Tubex sono noti anche in quanto favoriscono l’attecchimento e un migliore e più rapido sviluppo del vegetale. Questo è dovuto al fatto che all’interno delle protezioni si crea un particolare microclima.

I vantaggi proposti da questo microclima, spiegati più nel dettaglio

È stato riscontrato che il microclima che si crea all’interno delle protezioni comporta un notevole incremento della biomassa. In pratica, propone una crescita decisamente maggiore rispetto a quella che ci si potrebbe aspettare da una pianta non protetta da uno shelter.

shelter per piante

Questo rapido e interessante aumento della biomassa rende la pianta anche più resistente. Di conseguenza, usare uno shelter per piante incrementa il tasso di sopravvivenza dei giovani alberi e arbusti dopo la messa a dimora. Tutte queste ragioni rendono i prodotti Tubex molto usati da chi si occupa di silvicoltura e paesaggistica, ma anche da coloro che operano nel settore della frutticoltura, della viticoltura e dell’agricoltura in generale.

Tubex Ventex è uno shelter ancora più efficiente!

Se una protezione tubolare può fare tutto questo, immaginate cosa può fare una protezione shelter ventilata come Tubex Ventex. Il sistema di ventilazione brevettato dalla qualità certificata non fa altro che potenziare il microclima che si crea all’interno dello shelter per piante. Pertanto, rende i vantaggi proposti dal prodotto ancor più rilevanti e soddisfacenti.

Proprio come le altre protezioni del marchio, questo shelter è realizzato con materiali eco-friendly, sicuri per l’ambiente ma anche per l’uomo. È utile inoltre dire che la protezione non arriva mai a comprimere la pianta, aprendosi autonomamente lungo una linea perforata al laser quando diventa necessario. Naturalmente, questi sono altri vantaggi e punti di forza da non sottovalutare. Non siete d’accordo?

Gli shelter per piante adatti ad ogni attività

Nel complesso, uno shelter dotato di un moderno sistema di ventilazione propone molti vantaggi, così come accade con gli altri prodotti Tubex reperibili sul nostro sito web. Ognuno di essi si presenta come una soluzione valida in diversi tipi di contesti. Pertanto, non esitate a scoprire le peculiarità di ogni singolo prodotto e a richiederci tutte le informazioni di cui avete bisogno. Tubex ha lo shelter per piante ideale per ogni esigenza. Non abbiamo dubbi!