Settembre, i lavori nel frutteto e non solo

14 Ago 2019 | Redazione Tubex |

Le persone appassionate di piante e coltivazioni, o coloro che svolgono queste attività per lavoro, sanno bene che non esiste mese dove si possa stare tranquilli e con le mani in mano. Chiaramente, questa non è una cosa negativa. Al contrario, si tratta di un’attitudine che aiuta a gestire il frutteto correttamente o a far crescere bene il vostro albero da frutto, ma anche le altre piante. In entrambi i casi, potrete contare su un raccolto abbondante e di qualità.

Con questi presupposti, è chiaro che anche settembre sarà un mese per darsi da fare. Sarà un mese di fermento, fatto di lavori nel frutteto, di manutenzione ordinaria e straordinaria. Ci saranno frutti da raccogliere, alberi da innestare, da concimare, etc. Pertanto, è il momento di prepararsi e organizzarsi! Vediamo insieme nel dettaglio una lista dei lavori che potreste fare a settembre nei frutteti, nei vostri campi, orti e giardini.

Quali sono i frutti tipici di settembre?

Per gestire il frutteto al meglio, è utile sapere che settembre è un mese dove c’è davvero molto da fare. Difatti alcune specie da frutto saranno mature e altre continueranno la maturazione iniziata ad agosto. Inoltre, in base al clima, al territorio e alle specie, potrebbe continuare la fase di irrigazione. Questa potrebbe rivelarsi ancora molto impegnativa.

Nel mese di settembre, quindi, avvierete e continuerete innanzitutto la raccolta dei frutti tipici del mese. Tra questi troverete i fichi tardivi, l’uva (rossa e bianca), l’uva fragola e le pere (nell’ultima decade), le nocciole e i fichi d’india. Anche le prugne tardive sono frutti che potrete raccogliere in questo mese di transizione tra l’estate e l’autunno. Nel frattempo, però, dovrete continuare a tenere d’occhio le specie che necessitano ancora di una notevole irrigazione.

Le fasi lunari da considerare per gestire il frutteto al meglio

Non tutte le operazioni colturali potranno essere svolte in qualsiasi momento del mese. Difatti nella fase di luna piena e calante del mese di settembre, potrete effettuare ad esempio la potatura verde del kiwi, la sfogliatura e la cimatura della vite, e l’innesto a gemma su pero e melo.

Durante la fase della luna calante, potrete preparare il terreno e concimarlo per gli impianti autunnali, estirpare le erbe infestanti e concimare le piante da frutto utilizzando letame maturo o altre tipologie di concimi organici. Potrete inoltre rinnovare la pacciamatura nonché, ovviamente, fare la vendemmia e raccogliere le olive, operazioni tipiche proprio di questo mese.

raccogliere le olive a settembre

Un altro consiglio da non sottovalutare

Per gestire il frutteto e gli altri ambienti dove coltivate le vostre piante, non dimenticate che qualsiasi tipo di lavoro va svolto con la massima cura, tenendo a mente le informazioni giuste e usando gli strumenti adeguati. A tal proposito, vi suggeriamo di pensare alle giovani piante che necessitano di protezione per l’inverno e agli alberi che pianterete nei mesi futuri.

Tubex propone protezioni per alberi e arbusti di ogni tipo, che consentono di aumentare il tasso di sopravvivenza dei vegetali innestati o piantati, e di favorirne l’attecchimento e la crescita. Noi di Nowotec siamo i distributori per l’Italia. Pertanto, potrete richiederci tutte le informazioni a voi necessarie per gestire il frutteto (e non solo!) nel migliore dei modi.


09 Ago 2019 | Redazione Tubex |

La frutticoltura è la scienza che studia la coltivazione di specie legnose e semi-legnose, applicando alcune tecnologie basate su principi biologici e fisiologici. È anche intesa come la scienza che studia il miglioramento genetico degli alberi da frutto e l’elaborazione o l’adattamento delle tecniche di produzione.

La frutticoltura è importante e ci ha fornito un potente cambiamento

La frutticoltura è un’attività programmata e sistematica svolta dall’essere umano. Essa comprende tutte le azioni eseguite in relazione al raccolto e a beneficio di tutte quelle piante che producono frutti. Grazie alla frutticoltura, ovvero alla coltivazione sistematica di alberi da frutto, gli esseri umani hanno abbandonato il loro vecchio stile di vita basato sulla caccia, la raccolta e la ricerca di cibo, aumentando significativamente la loro capacità di nutrizione.

I progressi del settore

Lo sviluppo della frutticoltura ha subito notevoli progressi in particolare al momento della rivoluzione industriale. Infatti, è stato proprio questo il periodo in cui è iniziata la meccanizzazione della frutticoltura, insieme a tutta l’automazione agricola. Inoltre, sono state implementate anche delle nuove tecniche e metodologie più sofisticate per migliorare la produzione.

Questa disciplina comporta altresì la selezione delle piante con le caratteristiche migliori: coltivando le piante di maggiore qualità, viene fatta una selezione artificiale che consente lo sviluppo delle varietà più promettenti. Ciò implica, ovviamente, la possibile scomparsa di varietà con meno capacità fruttifere. La frutticoltura copre diversi aspetti, ma uno dei principali è lo sviluppo di nuovi alberi da frutta.

La frutticoltura oggi

Attualmente, questa scienza studia anche altre questioni, come il miglioramento della gestione degli alberi. Si occupa altresì di determinare l’entità delle più ottimali operazioni colturali, che comprendono la quantità e la frequenza dell’uso di acqua e fertilizzanti di cui ogni coltura ha bisogno. Alcune delle odierne sfide della frutticoltura si concretizzano nella lotta contro parassiti e malattie.

Questo avviene allo scopo di ridurre al minimo il danno che essi causano alle piante. Pertanto, viene costantemente analizzato l’impatto che hanno sulla produzione. Tra l’altro, si sviluppano metodi efficaci per contrastare e prevenire i problemi derivati da malattie e parassiti. Infine, gli esperti del settore cercano anche di migliorare i metodi di raccolta, conservazione e trasporto dei frutti.

Tubex dalla parte dei frutticoltori e non solo

A poco a poco, le persone che si dedicano alla frutticoltura stanno diminuendo soprattutto perché i campi stanno diventando più produttivi. Tuttavia, negli ultimi anni ci sono molte persone che vogliono tornare ad avere una vita più incentrata sulla coltivazione della terra e che, in assenza di ampi spazi, si dilettano con orti biologici coltivati ​​in casa o giardini pensili negli edifici. Queste attività vengono praticate, più o meno intensamente, in quasi ogni parte del mondo, soprattutto nei paesi industrializzati.

Per rispondere alle esigenze di tutte queste persone, ma anche di chi opera nell’ambito di paesaggistica, viticoltura, selvicoltura e agricoltura, Tubex propone valide protezioni per alberi da frutto e non solo. Sono disponibili una vasta gamma di shelter in grado di proteggere le piante e di favorirne la crescita. Potrete scoprire tutte le soluzioni Tubex sul nostro sito web.


05 Ago 2019 | Redazione Tubex |

Tubex si occupa da anni della produzione di protezioni per piante, e negli ultimi tempi si è impegnata per ampliare la propria gamma di prodotti. Nel suo percorso evolutivo, l’azienda ha speso molto tempo ad occuparsi della ricerca e della comprensione dei benefici che i propri shelter possono offrire alle varie specie vegetali. In questo modo, è riuscita ad avvicinarsi a chi si occupa di viticoltura, agricoltura, selvicoltura e frutticoltura, ma anche a chi si occupa di paesaggistica. Con questi presupposti, andiamo a conoscere i vantaggi che Tubex può garantire in questo ambito.

Perché usare le protezioni per alberi prodotte da Tubex

Uno dei punti cardini della politica commerciale dell’azienda è rivolto al rispetto dell’ambiente. Pertanto, sono stati realizzati non solo prodotti utili per proteggere le piante, ma anche eco-friendly. Sono infatti costituiti da polipropilene 100%, un materiale sicuro e non nocivo per l’ambiente in cui vengono introdotti. Questo è certamente uno dei motivi che portano molte aziende e professionisti a scegliere Tubex.

Anche coloticro che si occupano di paesaggisa possono apprezzare questi benefici. Infatti, queste protezioni per piante possono aiutarli nel loro lavoro, salvaguardando la salute dell’ambiente e delle specie che proteggono. I prodotti Tubex si rivelano ottimi per proteggere i vegetali da condizioni ambientali sfavorevoli e da danni provocati da animali, sistemi di manutenzione meccanizzata, erbicidi e quant’altro.

In ogni situazione, gli shelter proposti promuovono l’attecchimento e la crescita delle piante, elevandone il tasso di sopravvivenza. Pertanto, chi si occupa di paesaggistica potrà tutelare al meglio i territori di propria competenza.

Altri dettagli da non sottovalutare, a favore della paesaggistica e non solo

Le protezioni per piante targate Tubex garantiscono alla pianta alcuni benefici che sono in realtà delle condizioni indispensabili alla sua sopravvivenza. Oltre a proteggere le specie, infatti, al loro interno si forma un microclima favorevole alla crescita e al più rapido sviluppo del vegetale.

Lo shelter assicura un tasso di umidità più alto nell’area circostante al fusto, e favorisce la formazione di risorse preziose per la pianta stessa. Perciò, non si parla solo di protezione, ma anche di vantaggi incisivi da un punto di vista dello sviluppo. Questo si rivela molto interessante per chi desidera ampliare le aree verdi di un determinato territorio o favorire il rimboschimento di una particolare area boschiva.

Le nostre conclusioni e soluzioni

Per poter capire meglio le potenzialità delle protezioni Tubex, potrete visitare il nostro sito web, ma anche contattarci per ottenere ulteriori informazioni e preventivi. Potrete porre ai nostri tecnici tutte le domande che vi verranno in mente: risponderemo in tempi rapidi assicurandovi un’elevata professionalità.

Noi di Nowotec siamo gli unici distributori Tubex in Italia e potremo proporvi i prodotti più adatti alle vostre attività in termini di paesaggistica e non solo. In questi casi, potrete di certo provare le protezioni Ventex, supportate da un sistema di ventilazione brevettato e idoneo per potenziare il microclima di cui abbiamo appena parlato. In alternativa, potrete approfittare delle peculiarità degli altri prodotti Tubex, altamente efficienti e di qualità. Per ogni pianta c’è sempre uno shelter ideale!


01 Ago 2019 | Redazione Tubex |

Purtroppo, le piante possono ritrovarsi all’interno di ambienti paesaggistici che presentano condizioni ambientali decisamente sfavorevoli per la loro crescita. Per questo motivo, sono iniziate le prime ricerche in merito alla realizzazione di protezioni shelter per gli alberi. Il tutto ha preso avvio a partire dagli anni Ottanta.

In questo articolo vi forniremo alcuni preziosi consigli in merito all’importanza di utilizzare lo shelter per proteggere giovani piante di ogni specie. In seguito, vi spiegheremo nel dettaglio quali sono i benefici principali correlati all’utilizzo di questi prodotti. Infine, vi presenteremo le diverse tipologie di protezioni per alberi disponibili sul mercato, dicendovi inoltre dove e come acquistarle. Partiamo dalle basi.

Cos’è lo shelter?

Gli shelter sono particolari prodotti realizzati per proteggere il fusto, il piccolo tronco o il giovane arbusto. Sono protezioni tubolari realizzate con materiali eco-friendly. Una volta posizionate attorno al tronco dell’albero, si rivelano persino in grado di migliorare l’attecchimento e favorire la crescita della specie arborea in oggetto.

Quali sono i benefici offerti da queste protezioni shelter per gli alberi?

Sono molti i fattori che sono coinvolti quando si intende determinare l’effettivo valore dell’utilità degli shelter per piante. Non dobbiamo sottovalutare la tipologia del piccolo ambiente in cui la pianta cresce, né tanto meno le pratiche colturali applicate durante la creazione di questi prodotti.

Nello specifico, è utile dire che il modello di microclima che si forma all’interno della protezione favorisce lo sviluppo del diametro e dell’altezza della pianta, nonché della sua biomassa totale. Pertanto, lo shelter aiuta la giovane pianta a diventare più robusta.

Infine, è importante sottolineare che, chiaramente, le protezioni shelter per gli alberi salvaguardano il fusto o il giovane tronco dai danni che possono essere provocati dagli agenti atmosferici, dagli animali e da tanti altri elementi e/o fattori.

I diversi tipi di shelter

Sono diversi i tipi di shelter che si possono utilizzare a seconda della situazione in cui ci si trova. Tubex, azienda leader nel settore, propone protezioni tubolari ventilate, protezioni avvolgibili o a struttura chiusa. La prima tipologia deriva da numerosi studi che hanno permesso di realizzare un sistema di ventilazione brevettato, che potenzia ulteriormente il microclima che si crea all’interno dello shelter.

Il secondo tipo è molto semplice da installare e si rivela adatto in modo particolare agli alberi da frutto. Infine, l’ultima tipologia è quella dedicata alla vite. Presenta un tubo a doppia parete che protegge le piante dagli animali, erbicidi e mezzi meccanici. In ogni caso, queste protezioni per piante vengono prodotte in polipropilene 100%, un materiale ecocompatibile.

Le nostre soluzioni

Come ben sapete, le condizioni atmosferiche e ambientali possono influire negativamente sulla crescita delle piante e comprometterne lo sviluppo. Per questo motivo e basandosi inoltre sulle informazioni elencate finora, risulta determinante proteggere gli alberi con uno dei prodotti di Tubex. Non siete d’accordo?

Tubex è un’azienda specializzata nella produzione di sistemi di protezione per piante e noi di Nowotec siamo i distributori unici per l’Italia. Sul nostro sito potrete trovare tutte le protezioni shelter per gli alberi e contattarci per l’acquisto e/o per richiedere ulteriori informazioni e preventivi. Usando questi prodotti, potrete in breve tempo notare notevoli vantaggi in termini di attecchimento, crescita e raccolto.